coppa della divisione

MONTEMURRO : ” … la realizzazione di un sogno…”

… “Chi mi conosce bene sa che mi considero un ‘sognatore’ e questa Coppa della Divisione rappresenta per me la realizzazione di un sogno, ne vivo la nascita con grande emozione e immensa soddisfazione . Montemurro-AndreaSono convinto che tifosi, appassionati e addetti ai lavori ne saranno catturati, credo che il varo di questa competizione rappresenti un ulteriore passo in avanti per la nostra disciplina dopo quelli già compiuti nell’ultimo periodo, in particolare a livello di visibilità…sarà inoltre un’importante vetrina per i giocatori più giovani, che potranno mettersi in mostra”


Sono queste alcune delle espressioni di entusiasmo del Presidente della Divisione Nazionale nel momento dell’ufficializzazione della nuova Coppa della Divisione  che vedra’ ai nastri di partenza 126 formazioni di serie A, A2 e B, suddivise in una prima fase a 8 gironi.

E’ senza dubbio è anche una soddisfazione sportiva per quelle società di serie B, che magari nella scorsa stagione erano ancora a gareggiare nei campionati regionali, di incontrarsi con società molto più blasonate e ricche di trofei e di titoli


Tra il “sogno” del Presidente e la realtà dei fatti ci stà(va) di mezzo la Veneto Futsal Cup, una manifestazione che per tre stagioni ha caratterizzato il calcio a 5 veneto,  con le stesse credenziali agonistiche ora individuate dal Nazionale. La crescita e la popolarità del futsal passa(va) anche attraverso quest’ evento dove le Società di serie D avevano l’opportunità di scontrarsi con quelle di serie superiore, contro atleti di altre carature e con  altre organizzazioni di gioco.

All’interno dello scenario del futsal ciò che il Nazionale o altre Regioni hanno accolto positivamente, nel Veneto e’ stato ritenuto non in sintonia con i nuovi programmi dirigenziali . Una scelta di cancellazione condivisa da talune società e non da altre, per forme di valorizzazione e di sviluppo del futsal che evidentemente non rappresenta(va)no alcun passo in avanti per la disciplina.


base con foto


MODALITA’                        Otto gironi di qualificazione – Scontri diretti con partita unica in casa della formazione inferiore di serie – Cinque tornate di gare con la prima prevista per il 14 novenbre p.v. – Final Four da giocare dopo l’Aprile 2018 in località da definirsi .



LE VENETE IN GARA         Il primo turno vede i seguenti abbinamenti con ben sei derby veneti :

Lecco (B)CHIUPPANO (A2)

Maccan Prata (Pn) (B) LUPARENSE (A)

PETRARCA PADOVA (B)- FUTSAL CORNEDO (B)

FENICE VENEZIAMESTRE (B) – MITI VICINALIS (B)

FUTSAL VILLORBA (B)REAL FUTSAL ARZIGNANO (A2)

CITTA’ DI THIENE (B) – CANOTTIERI BELLUNO (B)

Mantova C5 (B)VICENZA C5 (B)

CITTA’ DI MESTRE (B)CAME DOSSON (A)


 

base con scritta