Il-Presidente-della-Divisione-Calcio-a-cinque-Andrea-Montemurro

MONTEMURRO. Ruolo deteminante nelle dimissioni di Tavecchio

Le dimissioni del Presidente Tavecchio sono un lodevole atto di responsabilità. La Divisione calcio a cinque, da me rappresentata, è consapevole del grande onere che ha assunto giocando un ruolo determinante nell’esito dell’odierno consiglio federale…


Riportiamo  integralmente le dichiarazioni del presidente Montemurro sul tema delle dimissioni del Presidente della F.I.G.C. Carlo Tavecchio così come apparse sul sito della Divisione Nazionale e riferite alla riunione del Consiglio Direttivo.


 

... “Ribadisco la stima umana per Tavecchio, ma con trasparenza e lealtà ho sempre anteposto l’interesse del futsal e di tutto il movimento del calcio alle logiche di parte. Dopo questa drammatica giornata la Federcalcio abbia il coraggio di dar vita a una rivoluzione meritocratica che valorizzi finalmente le energie e le competenze dello sport italiano”, così il Presidente della Divisione Calcio a cinque Andrea Montemurro, che sarà ospite alle 17 a Sky Sport 24, alle 20 a Radio 105 e alle 23 su Sportitalia.


 

” L’UOMO DEL RIBALTONE ”          ANSA –  ‘Noi appoggiamo Cosimo Sibilia e a mio personalissimo avviso potrebbe essere lui un eventuale candidato anche se ora mi sembra prematuro”. A lanciare il presidente della Lega nazionale dilettanti alla guida della Figc che verrà è il n.1 della Divisione Calcio a cinque Andrea Montemurro che si assume la piena responsabilità di essere l’uomo del ‘ribaltone’ al consiglio federale di oggi: ”Mi assumo la responsabilità di questa scelta insieme agli oneri e agli onori. Non si poteva rimanere in sella dopo aver perso il Mondiale. Era in gioco qualche cosa di più, la Nazionale. Non poter andare ai Mondiali sarà davvero brutto, il Mondiale fa parte della nostra vita, chi è che non ha dei ricordi legati ad un Mondiale. E poi c’e’ il grave danno economico. Ora – aggiunge Montemurro – bisogna ripartire dalle idee e da programmi nuovi. Noi del calcio a 5 ci stiamo riuscendo. Io seguirei il modello spagnolo dove il calcio a 5 è propedeutico al calcio fino a 14 anni”.

(fonte Redazione C5Live)